Sunday, October 26, 2014

2 Bronte Tops for Perfect Pattern Parcel #

Size: 10
Alterations: for the striped top, I shortened the long sleeves into elbow length
Fabric: both knits were from my stash, the striped one is the same I used for my Mariposa tee


So I've been asked again (see my first time here) to participate to the Perfect Pattern Parcel tour, and of course I said yes!
Not only do I get to try out some new indie patterns, I get to do it for charity as well.

Skirt: Zara (old)
Boots: OVS (old)

I must say pretty much all the patterns included in the pack are really awesome (see list below), but I was conquered by the Bronte top. Jennifer actually asked me to be a tester when the pattern came out, but I was having a really busy period, so I sadly declined.
But now that this gorgeous knit pattern has magically returned into my life, I just had to make it.

Skirt: handmade
Boots: Les Lolitas (very old)
I liked the first version so much that I immediately made a second one!
I love them both equally (although knowing myself, I'll probably wear the striped one more), and in these photos you can really see how versatile this pattern is, working really well in two very different outfits.

Jennifer did a great job on this pattern on all levels.
I love the fit, which is very snug; if your stomach is an area you want to conceal, you will definitely need some alterations, but for me, liking my knits to be very snug and form fitting, this is absolutely perfect.
The instructions are very well written and illustrated. There are also some tips on how to choose and how to sew knits, which never hurts.

Here you can see a few constructions details: the black thread on top is the lighting stitch used to sew the band to the neckline; the white thread is the serger seam I used to finish the edge (too lazy to re-thread my serger with black...), and in the middle, you can see the wrong side of the double needle stitches.

This is how hemmed both the bottom and sleeves.
The pattern instructions say to fold the fabric twice and topstitch, but in order to avoid bulk, I turned the fabric once, machine basted, then used the double needle on the right side, and then trimmed the excess close to the seam.
If you finish the bottom edge with a serger before doing the rest, the result will look even nicer; I didn't bother (again, too lazy) and it looks ok anyway.

I also tried the Hudson pants included in the Parcel and I was enthusiastic about them, but having used a really fugly fabric, I didn't even bother taking photos... But they do have my stamp of approval too!
I also want to eventually try the Zsalya Dress by Kate and Rose: such a beautiful design!

I'll leave you to the details of the Parcel, as well as to a link for purchasing it... Think about it, it's a great chance for you and to do something good :D 

Pattern Parcel #6: Choose your own price and support DonorsChoose. Win/win


How Pattern Parcel Works:
Here at Perfect Pattern Parcel, we believe in supporting independent pattern designers. It’s our opinion that indie patterns are just, well, better than big box patterns, and we’re pretty sure our customers think so too. So, we allow customers to show their support in naming their own price for each Parcel.
We also encourage customers to allocate part of their Parcel price to the charity Donorschoose.org in order to help classrooms in need. Pattern Parcel donates all profits after expenses from Parcel sales to the charity as well. Together we've raised over $12,000 for classrooms in need!

Parcel #6 includes: 

Bonus Pattern:
Choose a price of $32 or greater for Parcel #6 and you will automatically also be sent the Bonus Pattern! That's only $5 a pattern. The Bonus Pattern for this Parcel is the Odette Dress by Bluegingerdoll. Vintage inspired silhouette is had two flattering necklines and a gorgeous skirt.  The Odette Dress pattern goes from a size 4 through a 24!

Pattern Parcel #6: Choose your own price and support DonorsChoose. Win/win


Taglia: 10
Modifiche: per la versione a righe, ho accorciato le maniche ai gomiti
Tessuto: entrambi i tessuti erano nella mia collezione da un bel po', quello a righe era un avanzo della Mariposa tee fatta tempo fa



Mi è stato chiesto nuovamente (la mia prima volta qui) di partecipare al tour per il Perfect Pattern Parcel, e ovviamente ho detto di sì!
Non solo ho la chance di provare nuovi modelli indie (sì, sono drogata), ma lo posso pure fare per beneficenza!
Gonna: Zara (vecchia)

Stivali: OVS (vecchi)
Devo dire che quasi tutti i modelli inclusi nel pacchetto sono fantastici (trovate la lista qui sotto), ma sono stata conquistata dal Bronte top. In realtà, Jennifer mi aveva chiesto se volevo fare da tester quando è uscito il modello, ma avevo tristemente dovuto rifiutare a causa di un perdiodo un po' troppo impegnato. 
Ma ora che questo bellissimo modello è tornato come per magia nella mia vita, dovevo assolutamente farlo!

Gonna: Fatta da me

Stivali: Les Lolitas (molto vecchi)
E il primo mi è piaciuto così tanto che ne ho fatto subito un altro! 
Li amo entrambi in maniera uguale (anche se, conoscendomi, porterò di più quello a righe), e in queste foto potete vedere com'è versatile questo modello, perfettamente adatto a due outfit molto diversi. 

Jennifer ha fatto un lavoro sopraffino con questo modello. 
Innanzitutto amo la vestibilità, molto molto vicina al corpo. Se non vi piace mettere in evidenza la pancia avrete sicuramente delle modifiche da fare, ma per me, a cui piacciono le maglie belle strette, è semplicemente perfetta.

Le istruzioni, poi, sono molto ben scritte e illustrate. Ci sono anche molti consigli su come scegliere e cucire i tessuti elasticizzati, cosa essenziale per una principiante e che non fa mai male ripetere a chi è più esperta.


Qui potete vedere qualche dettaglio di costruzione: il filo nero in alto è il punto elasticizzato con cui ho cucito la banda alla scollatura; il filo bianco è quello della tagliacuci (sono stata troppo pigra per reinfilarla di nero...) con cui ho rifinito il bordo, e infine, il filo nero nel centro è il rovescio della cucitura con l'ago doppio. 

Questo è il metodo che ho usato per l'orlo in fondo e delle maniche.
Le istruzioni dicono di piegare il bordo due volte e ribattere, ma per evitare troppo spessore io ho piegato una volta sola, ho imbastito a macchina e, dal diritto, ho cucito con l'ago doppio. Ho poi tagliato l'eccesso di stoffa ben vicino alla cucitura.
Se rifinite il bordo con la tagliacuci prima di imbastire, il risultato sarà ancora più carino (d nuovo, io sono stata troppo pigra), ma a me piace anche così. 

Del pacchetto, ho anche provato i pantaloni Hudson e ne sono rimasta entusiasta, ma li ho fatti in un tessuto veramente osceno, perciò mi sono risparmiata le foto... Tuttavia, li consiglio caldamente!
Prima o poi voglio anche provare l'abito Zsalya Dress di Kate and Rose: un design bellissimo!


Ora vi lascio ai dettagli del Parcel, e a un link per l'acquisto... Fateci un pensierino, è una bella occasione per voi stesso e per fare un bel gesto contemporaneamente! :D

Pattern Parcel #6: Choose your own price and support DonorsChoose. Win/win
Come Funziona Pattern Parcel:
Noi di Perfect Pattern Parcel, crediamo nel sostenere i designer di modelli indipendenti. Crediamo che i modelli indie siano migliori di quelli dei grandi marchi e siamo piuttosto sicuri che anche i nostri clienti lo pensino. Perciò, facciamo in modo che i nostri clienti mostrino il loro supporto decidendo il proprio prezzo per ogni Parcel.

Incoraggiamo anche i clienti ad destinare parte del prezzo del loro Parcel all'organizzazione Donorschoose.org per aiutare delle classi in necessità. Pattern Parcel dona tutti i proventi, spese escluse, a questa organizzazione. Insieme abbiamo raccolto più di 12mila dollari per classi in difficoltà!

Il Parcel #6 include: 
MODELLO BONUS: Abito Odette di Bluegingerdoll

Modello Bonus:

Scegliete un prezzo di $32 o più per il Parcel #6 e vi verrà mandato automaticamente il modello bonus! Per questo Parcel, si tratta dell'abito Odette di Bluegingerdoll. Con una silhouette di ispirazione vintage, ha due varianti di scollatura e una bellissima gonna. Va dalle taglie 4 a 24!




Pattern Parcel #6: Choose your own price and support DonorsChoose. Win/win

Saturday, October 25, 2014

Abilmente 2014

Source
As I mentioned in passing in my last post (it was just in the Italian portion) and as you might have seen in social media, I spent last week in Vicenza, at the "Abilmente" creative fair.

You might also have already read a summary of this experience by Silvia's, Sasha's, Eléonore's or Pauline's, but it just didn't feel right not to share myself a few words on this incredible time!

Source
I was invited along Silvia, Sasha and Annika to accompany a few foreign indie pattern designers: Deer and Doe, Aime comme Marie, Pauline Alice and Compagnie M. Because indie patterns are not known at all here (everyone either uses sewing magazines or knows how to draft patterns themselves), we were supposed to provide help with the language barrier and to physically demonstrate how these patterns works.

I didn't sew a lot while I was there (I made a Belladone dress and started a Chardon skirt), but much to my surprise, I loved being in contact with people (a lot of them!) all day. I'm not a people person at all, so I really wasn't expecting this, but as Sasha has cleverly remarked herself, I am SO passionate about this topic that I really wanted to pass it on to other people, so much so that I didn't even care about endless hours on my feet without eating or going to the bathroom.
It was such a great feeling! Very reassuring, and a big boost of self confidence, I must admit.

But if this wasn't enough, the best part of these days was spending so much time around people I've wanted to meet for a long time, and who have immediately felt like old friends.

Source
Eléonore, of course, was the person I was most anxious to meet in person, having virtually known her and emailed with her weekly for almost 5 years. We're both a bit shy and awkward, so our chemistry wasn't 100% there, but we could both feel the deep mutual respect and admiration we've been building up for all these years.

Source
Silvia is a force of nature! She was so kind to me, giving me lifts on her car everyday. I felt immediately at ease with her, as if I had known her for a long time, and I treasured every moment spent with her.

Source
Pauline is even cuter in person, if you can believe it (she looks like a porcelain doll!), and calm, witty, and professional... Can you tell I have a bit of a girl crush?

Annika - Source
Sasha and I - Source
Annika and Sasha, I didn't know before the event, and I'm so glad to have met.
Sasha is relatively new to the blogging sphere, but so incredibly talented. We couldn't believe some of the things she has sewn since she first sat in front of a sewing machine 10 months ago, she has amazing skills and unbelievable taste. Go take a look at her blog, NOW!
Annika, so calm and poised, was the perfect companion for those rare breaks we took.

Marie (on the right) and her amazing friend Flavia - Source
I also have developed a major girl crush on the ever-smiling Marie, whose patterns, I must admit, I've never tried. I now appreciate their simplicity and sense of modern, urban style.

Source
Marte made an incredible impression on all of us, always having the best ideas (like those bottles of Prosecco to celebrate the last day :D ), great marketing skills and such a lovable, down to earth personality.

Finally, I had the chance of meeting in person Gaia Segattini, one of the biggest name of the online Italian creativity... She's an amazing woman, and I love her sense of humour (and her style)!

I left Vicenza feeling so positive and energized, it was truly incredible.
And of course, I wasn't empty handed:


  1. Since Aime comme Marie also offers patterns for men, I decided to try something new and I got the "Aime comme Matelot" pattern, which is a Henley shirt with two button variations. I knew my boyfriend wears this kind of shirt, but to my huge disappointed, he didn't seem too excited by it... See what happens when you leave the path of selfish sewing? Maybe I should have gotten the shirt pattern...
    Anyway, I'll definitely let you know as it goes and I'll definitely make him model for the blog, wejust need to find the time to go fabric shopping together...
  2. I've wanted the Turia dungarees pattern by Pauline Alice ever since it came out, but since I knew I was going to meet her in person, I decided to wait and have it hand-delivered by the designer! In fact, I was Pauline's first client on the first day of Abilmente! :) I love this pattern I can't wait to try it!
    In the end, I couldn't resist and I also got the Ninot jacket pattern... The samples Pauline had with her in Vicenza were so gorgeous (I'm especially in love with the green one with the fur collar), I knew I would regret not buying it.
  3. I didn't know Compagnie M. before this experience, but I fell in love immediately with Marte's original and eye-catching designs. I took home the Charles pants, the Julia sweater and the Lotta dress for my niece (hoping I'll manage to involve her mum in the sewing process!).
  4. I finally got the chance to put my hands on Peggy Journal, a new creative Italian magazine, and to also met some of their staff. This magazine is chucked full of great ideas, wonderful photography and general awesomeness, I'm in love. The next issue is out in November, I can't wait!
  5. I met two girls from the Burdastyle Italia team and they not only didn't hit me for all the mean things I write in my review, but they also gave me the November issue so I could review it! Joking aside, it was really nice to meet them, I wish I had more time to talk to them about the magazine! Expect a review (unbiased) next week!
  6. Finally, this costed me a few strange looks from people, but I took home the sign that was over Deer and Doe's booth, and I'm so glad I did! It barely fit in my suitcase, so it wasn't too crazy to take home, and I can't wait to have a bigger space to hang it in!
    Also, in a corner, you can see the delicious violet flavored candy that Eléonore gave me as a present... such a thoughtful gift (and very well suited to my taste... yum!). Thank you, girl!
Source
I want to thank all the wonderful people mentioned above, as well as our coordinators Gioia and Roberta, our technical support from SVP (Andrea and Claudio in particular) and all the people who stopped by my table to say "hello" and to hear me talk for a little bit. Some of them knew me from the blog, some of them got interested and told me they would pass by here... Anyway, it was a real pleasure to meet all of you, and I can only hope this was just the first of many, many experiences of this kind!


Source
Come ho accennato nel mio post precedente, o come avrete capito dai social media, la scorsa settimana sono stata a Vicenza, ad Abilmente.

Magari avrete già letto i resoconti in merito di SilviaSasha, Gaia (da scompisciarsi), Eléonore o Pauline, ma voglio anche io spendere qualche parola su questa esperienza indimenticabile.

Source
Sono stata invitata insieme a Silvia, Sasha e Annika per accompagnare alcune designer indipendenti di cartamodelli: Deer and DoeAime comme MariePauline Alice e Compagnie M. Poichè questi modelli sono ancora largamente sconosciuti nel nostro Paese (sigh, perché?), la nostra funzione era quella di aiutare con la barriera linguistica e di spiegare come si usano effettivamente. 

Non ho cucito molto sul posto (troppe interruzioni, ho finito un abito Belladone e iniziato una gonna Chardon!), ma con mia grandissima sopresa, ho amato tantissimo stare in mezzo alla gente (numerosissima!) tutto il giorno. Non sono una persona molto socievole, ma come Sasha ha già notato per se stessa, ho così tanta passione per questo argomento che volevo a tutti i costi trasmetterla alle altre persone, così tanto che non mi pesava stare in piedi tutto il giorno, magari senza mangiare e con rare tappe al bagno.
E' stata una sensazione pazzesca! E una bella botta di autostima, devo ammettere.

Ma come se questo non bastasse, la parte migliore di questi giorni è stata passare tempo con delle persone che volevo conoscere da un sacco di tempo, e con cui c'è stata subito una bellissima intesa.

Source
Eléonore, ovviamente, era la persona con cui attendevo da più tempo un incontro di persona, essendo che ci conosciamo virtualmente e ci sentiamo per email settimanalmente da 5 anni. Siamo entrambe un po' timide e goffe, perciò la nostra intesa non era al 100%, ma per entrambe erano evidenti il rispetto e l'ammirazione reciproci che abbiamo accumulato per tutti questi anni.

Source
Silvia è una forza della natura! E' stata gentilissima, dandomi strappi in auto tutti i giorni (cara mia, ti arriverà presto un regalo!). Mi sono immediatamente sentita a mio agio con lei, come se fossimo amiche da un sacco di tempo e mi sono goduta ogni attimo insieme.
Source
Pauline è ancora più bella dal vivo, se riuscite a crederci (sembra una bambolina di porcellana!), ma anche calma, simpatica, professionale... Eh sì, la adoro! :)

Annika - Source
Con Sasha - Source
AnnikaSasha non le conoscevo prima, e sono a maggior ragione contenta di averle incontrate.
Sasha è relativamente nuova nella blogosfera, ma ha quintali di talento. Tutte quante non riuscivamo a capacitarci di alcune delle cose che ha cucito nei pochi mesi da quando ha imparato a cucire. Ha capacità straordinarie e un gusto sopraffino. Correte subito sul suo blog!
Annika, così calma e posata, era la compagna perfetta per scambiare qualche parola durante le nostre rare pause.

Marie (a destra) e la sua adorabile amica Flavia - Source
Ho preso una mega cotta anche per la solare Marie, i cui modelli, devo ammettere, non ho mai provato. Adesso apprezzo la loro semplicità e il loro stile moderno e urbano. 

Source
Marte ha fatto un'ottima impressione su tutte quante. Aveva sempre le idee migliori (tipo quelle due bottiglie di Prosecco per festeggiare l'ultimo giorno :D), ottime capacità di marketing e una personalità adorabile e terra a terra.

Infine, ho finalmente incontrato di persona Gaia Segattini, uno dei maggiori nomi della blogosfera italiana della creatività... Come pensavo, è una persona fantastica, adoro il suo senso dell'umorismo (e il suo stile)!

Me ne sono andata da Vicenza con un carico enorme di energia positiva, davvero incredibile.
E ovviamente non ero a mani vuote:
  1. Poiché Aime comme Marie offre anche modelli da uomo, ho deciso di provare qualcosa di nuovo e ho preso il modello "Aime comme Matelot", una t-shirt stile Henley con due opzioni di abbottonatura. Andavo sul sicuro, perchè il mio ragazzo indossa spesso questo stile, ma con mia somma delusione, non è stato troppo entusiasta di questa mia idea... Visto cosa succede quando si abbandona il cammino del cucito egoista? Probabilmente avrei dovuto prendere la camicia...
    Ad ogni modo vi farò sapere come andrà e lo costringerò a fare da modello per il blog, dobbiamo solo trovare il tempo di andare a comprare del tessuto insieme...
  2. Volevo il modello della salopette Turia di Pauline Alice da quando è uscito, e ne ho approfittato per farmelo consegnare a mano dalla designer! In effetti, sono stata la prima cliente di Pauline ad Abilmente! Adoro questo modello, non vedo l'ora di provarlo.
    E alla fine, non ho saputo resistere e ho comprato anche la giacca Ninot... I sample che Pauline aveva con sé a Vicenza erano così belli (mi sono innamorata in particolare di quello verde con colletto e polsini in pelliccia) che non ce l'ho fatta, sapevo che mi sarei pentita se non l'avessi preso.
  3. Non conoscevo Compagnie M. prima di questa esperienza, ma mi sono immediatamente innamorata del design originale e accattivante dei modelli di Marte. Ho portato a casa i pantaloni/salopette Charles, la maglia Julia e l'abito Lotta per la mia nipotina (sperando di riuscire, con la scusa, a includere la sua mamma nel processo di cucito).
  4. Sono finalmente riuscita a mettere le mani sul primo numero di Peggy Journal, un nuovo giornale creativo italiano, una novità pazzesca per il nostro Paese, pieno zeppo di idee fantastiche e fotografie splendide. Il prossimo numero esce a novembre, non vedo l'ora!
  5. Ho incontrato due dei membri del team Burdastyle Italia, che non solo non mi hanno picchiato per le cose cattive che scrivo nelle mie review, ma mi hanno pure regalato il numero di novembre in modo che potessi recensirlo! Scherzi a parte, mi ha fatto piacere conoscerle e mi sarebbe piaciuto avere più tempo per parlare del giornale. Aspettatevi una review (imparziale) la prossima settimana.
  6. Infine, nonostante qualche sguardo perplesso, mi sono portata a casa l'insegna dello stand Deer & Doe! Mi è persino entrata in valigia, perciò non ho nemmeno faticato a trasportarlo in treno. Non vedo l'ora di avere uno spazio un po' più grande di quello attuale per appenderlo.
    E in un angolino potete anche vedere le caramelle alla violetta, tipiche di Tolosa, regalatemi da Eléonore... un pensiero gentilissimo (e perfettamente adatto ai miei gusti). Grazie!
Source
Per concludere, vorrei ringraziare, oltre a tutte le persone nominate in precedenza, le nostre coordinatrici Gioia e Roberta, i nostri tecnici SVP (Andrea e Claudio in particolare) e tutte coloro che sono passate dalla nostra postazione a salutarmi. Alcune mi conoscevano già dal blog, altre si sono interessate e mi hanno detto che sarebbero passate di qui... Scusate se non ricordo i nomi (il mio tallone d'Achille), ma è stato veramente un piacere enorme conoscervi, e posso solo sperare che questa sia stata solo la prima di molte esperienze di questo genere!

Friday, October 10, 2014

Chambray Bruyère shirt


Size: 40 bust and waist, 42 hips
Alterations: I added sleeve tabs
Fabric: Locally purchased blue chambray

Last Summer, I have once again had the delightful chance to be a tester for Deer and Doe and to try their latest offering, the Bruyère shirt. It is a tunic-lenght shirt with a cinched waist and beautiful box pleats both on the front and on the back.

Although I love button-up shirts (and shirt collars and shirt dresses) and I wear them almost daily, I was initially a little perplexed by the length of Bruyère.
I know tunics are overall very popular (for some reason, I have the impression they are especially popular in France), but not in my wardrobe, because I tend to wear pants as rarely as I can, and when I do, it's NEVER skinny jeans or leggings. As you can see in these photos, I am rather evidently pear-shaped and I also have a big booty; I'm not extremely self-conscious of that, but I prefer not to display this area of my body too much (that's why I like dresses with a cinched waist and a full-ish skirt that hit above the knees).

For the sake of these photos, I decided to try something new and wear my Bruyère with leggings, but it's not something I'm likely to repeat soon. I mean, it is a really comfy outfit, it's just not me.

But luckily, Bruyère has proved to be pretty awesome with regular straight-leg jeans as well (maybe it just makes a bit less modern and youthful of an outfit this way), and I've been wearing it plenty this way. It really has been a great transitional garment for these first few weeks of Autumn, when it's very cold in the morning, then it gets warm in the central part of the day, and then it's cold again after sundown.

As per usual with Deer and Doe, I didn't need any fit adjustment (woohoo!). I added buttoned sleeve tabs (which I copied from Pauline Alice's Carme blouse pattern) because I always have my sleeves rolled up, but I found them redundant. Especially if you use a fabric with a bit of body like my chambray here, they stay up by themselves.

I found the construction of Bruyère particularly satisfying: it's not difficult (although I wouldn't recommend it to an absolute beginner), but it requires some precision and patience, which are a welcome challenge for someone a little more experienced. And if you like pretty insides, you can French seam the whole thing like I did and forget about serging or ugly zig zag stitch.

Of course, me being me, I could not resist the temptation to hack the pattern and make into a shirt dress, so that's the next finished thing you'll see around here (hopefully soon!).



Taglia: 40 per petto e vita + 42 per i fianchi
Modifiche: Ho aggiunto dei laccetti con bottone alle maniche per arrotolarle.

Tessuto: Chambray acquistato in un negozio locale.


Quest'estate, ho ancora una volta avuto la fortuna di fare da tester per Deer and Doe e di provare la loro ultima fatica, la camicia Bruyère. Si tratta di una camicia a lunghezza tunica, stretta in vita e con delle bellissime pieghe sia davanti che dietro.

Anche se amo le camicie (e i colletti da uomo, e gli abiti-camicia) e le porto quasi tutti i giorni, ero inizialmente un po' perplessa dalla lunghezza di Bruyère.
So che le tuniche in generale sono abbastanza apprezzate (specialmente in Francia, vero? O è solo una mia impressione?), ma non da me, poichè tendo ad indossare i pantaloni meno possibile, e quando lo faccio non si tratta MAI di skinny jeans o leggings. Come potete vedere anche in queste foto, sono fatta "a pera" in maniera abbastanza evidente, e inoltre ho un sedere importante; anche se ormai ho fatto pace con la mia predisposizione fisica, preferisco non mettere troppo in evidenza quest'area (ed è anche per questo che amo gli abiti con la vita stretta e la gonna ampia).

Per queste foto, ho deciso di provare qualcosa di nuovo e di mettere la mia Bruyère con dei leggings, ma non credo che lo rifarò presto. Certo, ero comodissima, ma a disagio e non mi sentivo "me".

Ma per mia fortuna, Bruyère si è dimostrata fantastica anche indossata con dei jeans a gamba dritta (forse in questo modo è solo un po' meno moderna e giovanile), e l'ho indossata parecchio con quest'abbinamento. E' davvero perfetta per la mezza stagione, in quelle giornate in cui la mattina fa freddo, poi inizia a fare caldo, e verso sera fa di nuovo freddo.

Come al solito con Deer and Doe, non ho dovuto fare alcuna modifica al modello (evvai!). Ho aggiunto dei laccetti abbottonati per tenere le maniche arrotolate, ma devo dire che sono ridondanti; specialmente con un tessuto con un po' di sostanza come questo chambray, le maniche arrotolate stanno su da sole.

Cucire Bruyère è stato particolarmente divertente e soddisfacente. Non si tratta di un processo difficile (anche se lo sconsiglierei a una principiante assoluta), ma richiede un po' di pazienza e di precisione, una sfida ben accetta da chi ha un po' di esperienza. E se vi piacciono le rifiniture pulite, potete usare cuciture all'inglese praticamente ovunque come ho fatto io, e dimenticarvi della taglia cuci o dell'orrido zig zag.

Ovviamente non ho saputo resistere alla tentazione di provare a trasformare questo modello in un abito camicia, perciò sarà il prossimo progetto finito che vedrete da queste parti (spero presto!).

Invece, se volete vedere i modelli Deer and Doe in azione, e acquistarli di persona, ottime notizie: troverete sia Eléonore (la creatrice di Deer and Doe) che me a Vicenza, ad Abilmente, dal 16 al 19 ottobre. Saremo nel padiglione 7, nell'atelier Moda fai da te insieme ad altre designer di cartamodelli e blogger (tra cui Silvia di Sewing Princess).
Veniteci a trovare! :D